Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I voti allo Stato in borsa
25/03/2016 - Pubblicato in news nazionali

Calo del petrolio, debolezza della domanda elettrica, tagli ai budget della Difesa. A ciascuno la sua bestia nera. Eppure Eni, Enel e Finmeccanica, i tre grandi gruppi quotati ancora a controllo pubblico, sembrano aver retto bene agli scossoni dei rispettivi mercati, mettendo in atto per tempo le contromisure. Prima che arrivassero i downgrade di Standard & Poor’s e Moody’s, per Eni era stata una marcia trionfale, nonostante il risultato netto negativo per 7,9 miliardi nel 2015, a colpi di svalutazioni indotte dal mini barile. Il mercato riconosce a Descalzi di aver adottato in anticipo sulle altre big oil le contromisure necessarie a bilanciare il calo del greggio. I pilastri del nuovo piano strategico 2016-2019 sono riassunti nel concetto che Descalzi ha esposto agli analisti: avere successo a prezzi bassi, alimentando la crescita di lungo termine. Efficienza operativa, semplificazione della struttura del gruppo e gestione attiva del portafoglio. L’ad Francesco Starace riassume così i tre pilastri che hanno guidato e continueranno a guidare le strategie di Enel. I numeri del 2015 portano acqua al mulino dell’ad. Il gruppo ha chiuso lo scorso esercizio con un risultato netto vicino a 2,2 miliardi di euro, in rialzo addirittura del 324% rispetto al 2014. Per l’immediato futuro il piano dell’ad prevede, oltre all’integrazione del business delle rinnovabili, il completamento del riassetto in America Latina.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Riad mobilita le riserve per evitare il caro-petrolio

Oltre alle questioni relative alla sicurezza sono gli effetti economici e finanziari provocati dall’attacco alle due raffinerie saudite a preoccupare la comunità internazional
[leggi tutto…]

Russia e Ucraina riaprono la partita delle forniture di gas

E’ in procinto di scadere il contratto decennale che regola il transito di gas russo attraverso l’Ucraina e l’UE
[leggi tutto…]

Snam cerca lo sbarco negli Usa. Nel mirino c’è il gasdotto Rover

Dopo il consolidamento in Europa e l’approdo in Cina, Snam accende un faro sugli USA dove la domanda di gas crescerà al ritmo del 2% annuo da qui al 2030
[leggi tutto…]