Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I voti allo Stato in borsa
25/03/2016 - Pubblicato in news nazionali

Calo del petrolio, debolezza della domanda elettrica, tagli ai budget della Difesa. A ciascuno la sua bestia nera. Eppure Eni, Enel e Finmeccanica, i tre grandi gruppi quotati ancora a controllo pubblico, sembrano aver retto bene agli scossoni dei rispettivi mercati, mettendo in atto per tempo le contromisure. Prima che arrivassero i downgrade di Standard & Poor’s e Moody’s, per Eni era stata una marcia trionfale, nonostante il risultato netto negativo per 7,9 miliardi nel 2015, a colpi di svalutazioni indotte dal mini barile. Il mercato riconosce a Descalzi di aver adottato in anticipo sulle altre big oil le contromisure necessarie a bilanciare il calo del greggio. I pilastri del nuovo piano strategico 2016-2019 sono riassunti nel concetto che Descalzi ha esposto agli analisti: avere successo a prezzi bassi, alimentando la crescita di lungo termine. Efficienza operativa, semplificazione della struttura del gruppo e gestione attiva del portafoglio. L’ad Francesco Starace riassume così i tre pilastri che hanno guidato e continueranno a guidare le strategie di Enel. I numeri del 2015 portano acqua al mulino dell’ad. Il gruppo ha chiuso lo scorso esercizio con un risultato netto vicino a 2,2 miliardi di euro, in rialzo addirittura del 324% rispetto al 2014. Per l’immediato futuro il piano dell’ad prevede, oltre all’integrazione del business delle rinnovabili, il completamento del riassetto in America Latina.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]