Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il volto che vale 2mila miliardi. Wall Street sogna
20/03/2017 - Pubblicato in news internazionali

Il principe saudita Mohammad Bin Salman Al Saud, secondo in successione del re saudita Salman, ha incontrato il presidente Trump alla Casa Bianca la settimana scorsa. I dossier che a lui fanno capo sono tanti e complicati: innanzitutto è lui a essere il titolare del Dicastero della Difesa e quindi è sua la responsabilità della guerra scatenata dalla coalizione saudita nello Yemen contro i ribelli sciiti Houthi. Ma, soprattutto, a lui fa capo la supervisione dell’intera politica energetica del Paese ed è in questa veste che ha ribaltato la strategia adottata dal 2014 in poi, arrivando a sottoscrivere lo storico accordo tra paesi Opec e non Opec per fare risalire i prezzi del petrolio, ridotti dall’eccesso di offerta. Sul fronte interno, a lui si deve l’ambizioso piano “Vision 2030” con il quale si punta ad uscire dalla dipendenza dal petrolio, a cui si deve l’85% dei ricavi di esportazione.

Fonte: Corriere della Sera, L’Economia – Stefano Agnoli (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]