Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I veti al gasdotto Tap, paradigma di un’Italia da ‘Bollino rosso’
24/03/2017 - Pubblicato in news nazionali

L’inizio dei lavori per costruire l’approdo del gas gasdotto Trans Adriatic Pipeline (Tap) è stato bloccato nei giorni scorsi da un centinaio di attivisti No Tap ai quali il governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano, dà manforte. Il problema principale è l’ostilità della comunità locale e della regione Puglia governata da Emiliano. Il Tap ha ricevuto l’autorizzazione del Parlamento italiano il 19 dicembre 2013. Sul molo di Costa Morena a Brindisi sono già stoccati i tubi che dovranno costruire la tratta sottomarina del gasdotto che, secondo il ministero dello Sviluppo sarà operativo nel 2020, ma i lavori sono stati bloccati non appena cominciati; il 20 marzo attivisti No Tap hanno fermato i camion giunti per espiantare i primi 33 ulivi, su 221 complessivi, che dopo la posa dei tubi verranno rimessi a dimora.

L’inizio dei lavori per costruire l’approdo del gas gasdotto Trans Adriatic Pipeline (Tap) è stato bloccato nei giorni scorsi da un centinaio di attivisti No Tap ai quali il governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano, dà manforte. Il problema principale è l’ostilità della comunità locale e della regione Puglia governata da Emiliano. Il Tap ha ricevuto l’autorizzazione del Parlamento italiano il 19 dicembre 2013. Sul molo di Costa Morena a Brindisi sono già stoccati i tubi che dovranno costruire la tratta sottomarina del gasdotto che, secondo il ministero dello Sviluppo sarà operativo nel 2020, ma i lavori sono stati bloccati non appena cominciati; il 20 marzo attivisti No Tap hanno fermato i camion giunti per espiantare i primi 33 ulivi, su 221 complessivi, che dopo la posa dei tubi verranno rimessi a dimora.

Fonte: Il Foglio – Alberto Brambilla (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]