Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Venezuela: “tagli anche per i Paesi Opec”
26/10/2016 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

Prezzi petroliferi ancora in leggero ribasso ieri sulla scia di previsioni di un appesantimento delle scorte Usa (le stime verranno rese note oggi pomeriggio); a favorire le vendite hanno contribuito anche la debolezza di Wall Street e il rafforzamento del dollaro. Così ieri durante la seduta il Brent e il Wti hanno perso poco meno dell’un per cento, con il secondo sceso momentaneamente sotto la soglia psicologica dei 50 dollari. L’attenzione del mercato comunque è sempre rivolta all’Opec e alle sue strategie per cercare di contenere l’offerta e sostenere le sempre deboli quotazioni del barile. Ieri le notizie di maggior rilievo sono giunte dal Baghdad e da Caracas. In particolare, il ministro venezuelano per il petrolio, Eulogio Del Pino, ieri a Mosca nell’ambito di una serie di incontri con i ministri di alcuni grandi Paesi produttori, ha ricordato che il suo Paese ha proposto che anche il Paesi non-Opec contribuiscano al piano di riduzione produttiva con un taglio complessivo di 400-50omila barili al giorno. La proposta verrà analizzata durante il prossimo vertice ufficiale del Cartello fissato a Vienna per fine novembre. Quanto all’Iraq, il Paese appoggia la strategia Opec, ma sta cercando di preservare i propri livelli produttivi chiedendo al Cartello degli esportatori esenzioni simili a quelle ipotizzate per Iran, Libia, Nigeria, in quanto il proprio settore e più in generale la propria economia sta soffrendo gli effetti delle spese necessarie per portare avanti la guerra contro l’Isis.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Finanza & Mercati – red. (pag. 30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Elettricità e gas, i numeri UE sul primo trimestre

La combinazione delle misure di confinamento per la pandemia e di condizioni meteorologiche insolitamente buone ha determinato un'estrema volatilità nel primo trimestre 2020 sui mercati europei dell'energia
[leggi tutto…]

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]