Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Venezuela: “tagli anche per i Paesi Opec”
26/10/2016 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

Prezzi petroliferi ancora in leggero ribasso ieri sulla scia di previsioni di un appesantimento delle scorte Usa (le stime verranno rese note oggi pomeriggio); a favorire le vendite hanno contribuito anche la debolezza di Wall Street e il rafforzamento del dollaro. Così ieri durante la seduta il Brent e il Wti hanno perso poco meno dell’un per cento, con il secondo sceso momentaneamente sotto la soglia psicologica dei 50 dollari. L’attenzione del mercato comunque è sempre rivolta all’Opec e alle sue strategie per cercare di contenere l’offerta e sostenere le sempre deboli quotazioni del barile. Ieri le notizie di maggior rilievo sono giunte dal Baghdad e da Caracas. In particolare, il ministro venezuelano per il petrolio, Eulogio Del Pino, ieri a Mosca nell’ambito di una serie di incontri con i ministri di alcuni grandi Paesi produttori, ha ricordato che il suo Paese ha proposto che anche il Paesi non-Opec contribuiscano al piano di riduzione produttiva con un taglio complessivo di 400-50omila barili al giorno. La proposta verrà analizzata durante il prossimo vertice ufficiale del Cartello fissato a Vienna per fine novembre. Quanto all’Iraq, il Paese appoggia la strategia Opec, ma sta cercando di preservare i propri livelli produttivi chiedendo al Cartello degli esportatori esenzioni simili a quelle ipotizzate per Iran, Libia, Nigeria, in quanto il proprio settore e più in generale la propria economia sta soffrendo gli effetti delle spese necessarie per portare avanti la guerra contro l’Isis.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Finanza & Mercati – red. (pag. 30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Un pieno di idrogeno

Spinta sull’idrogeno, decisivo a decarbonizzare il mondo
[leggi tutto…]

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]