Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Utility, l’effetto petrolio comprime i fatturati
28/01/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news internazionali

L’effetto materie prime taglia i fatturati delle utility, frena di conseguenza gli investimenti che diminuiscono in calore assoluto ma tengono in rapporto ai ricavi. L’alleggerimento dei fatturati si accompagna però anche a una revisione nella struttura dei costi, come mostra il quadro della gestione caratteristica che vede crescere anche se di poco il peso dei margini. Un’indagine realizzata dal centro studi Althesys si concentra sulle 100 aziende più grandi, pubbliche e private, attive nell’energia, nel servizio idrico, nel gas e nei rifiuti, e offre il quadro economico più aggiornato all’indomani dell’avvio della fase attuativa della riforma Madia. Il punto di partenza dell’analisi è la frenata di fatturati. L’analisi vede all’origine della frenata il fattore esterno legato al calo delle quotazioni delle materie prime, un elemento che in questa fase sta diventando strutturale.

Fonte: Il Sole 24 ore, Impresa & Territorio – Gianni Trovati (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dal carbone al gas, Enel accelera la riconversione

La richiesta era stata presentata a gennaio e ora Enel ha avuto il via libera dal Ministero dello Sviluppo Economico per chiudere in anticipo, già a partire da gennaio prossimo, il gruppo 2 della centrale a carbone Federico II di Brindisi.
[leggi tutto…]

Idrogeno, consultazione sulla Strategia UE

La Commissione europea ha avviato una consultazione in vista dell'adozione della Strategia sull'idrogeno entro la metà dell'anno
[leggi tutto…]

Gasdotto Italia-Malta, al via consultazione transfrontaliera

Il ministero dell'Ambiente ha avviato nei giorni scorsi la consultazione pubblica transfrontaliera sul progetto di gasdotto di interconnessione tra Italia e Malta, una pipeline da 1,2 miliardi di mc all'anno per una lunghezza di 159 km tra Delim
[leggi tutto…]