Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gli Usa dello shale oil riattivano altre trivelle
22/10/2016 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

Gli Stati Uniti dello shale oil stanno ritornando in forze. Incoraggiate dalla ripresa delle quotazioni del barile, le compagnie americane hanno rimesso in funzione altre 14 trivelle questa settimana, di cui 11 per la ricerca di greggio. Il numero degli impianti di perforazione è aumentato in 18 delle ultime 21 settimane, tornando a un totale di 553, circa il 40% in più rispetto ai minimi di maggio. Si tratta, secondo gli esperti di uno degli incrementi più grandi di sempre, per un periodo di appena 3-4 mesi. Mentre l’Opec e la Russia continuano a discutere di un possibile taglio dell’output di petrolio, i fracker americani sono passati all’azione. E se per il momento la produzione Usa continua a calare, è sempre più probabile che nei prossimi mesi riesca a risollevarsi. A maggior ragione se il petrolio continua a mantenersi sopra i 50 dollari al barile, come in effetti sta facendo: nonostante il dollaro forte ai massimi da 7 mesi sull’euro e nonostante il nuovo incremento delle trivbelle segnalato da Backer Hughes, il Wti ieri è riuscito a chiudere in rialzo a 50,85.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Sissi Bellomo (pag. 31)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]