Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Negli Usa scorte record di greggio e benzine
16/02/2017 - Pubblicato in news internazionali

Altro maxi aumento per le scorte petrolifere Usa, un’altra micro reazione per il prezzo del barile. L’apparente irrazionalità del mercato ha raggiunto il culmine ieri, con il Wti che ha chiuso la seduta quasi invariato a 53,11 dollari nonostante gli stock di greggio e di benzine siano entrambi saliti ai massimi storici. Lo schema si ripete da settimane: l’Eia ( Energy Information Administration) pubblica dati ribassisti e le quotazioni scendono ma dopo poco risalgono velocemente, portandosi addirittura in rialzo. Alcuni analisti ipotizzano che dietro tutto ciò ci sia la mano di un grande speculatore impegnato a difendere posizioni lunghe, se non addirittura di un paese Opec, in quest’ultimo caso un fenomeno inedito.

Fonte: Il Sole24Ore, Finanza e Mercati – Sissi Bellomo (pag.30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]

La Cina respinge carichi di Gnl e manda a picco i prezzi del gas

Forza maggiore. È questa la nuova nemesi che dalla Cina si è abbattuta sul settore del gas, già messo alla prova da climate change, guerre commerciali ed eccessi produttivi.
[leggi tutto…]