Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Usa alla guerra del petrolio. A rischio l’equilibrio Opec
21/01/2018 - Pubblicato in news internazionali

Non solo gli Stati Untiti quest’anno scavalcheranno l’Arabia Saudita diventando il secondo più importante produttore di petrolio alle spalle delle Russia, ma continuando a pompare greggio potrebbero anche arrivare a compromettere l’equilibrio del mercato. Secondo Aie, che parla di “crescita esplosiva”, gli Stati Uniti quest’anno dovrebbero superare la soglia dei 10 milioni di barili al giorno. L’industria statunitense dello shale oil, rileva l’Aie, ha infatti battuto tutte le aspettative, beneficiando non solo dell’aumento dei prezzi e del taglio dei costi ma anche dell’intensificazione delle attività di perforazioni e di tutte le altre misure di efficientamento approvate durante gli anni di crisi. Complice anche le nuove tensioni geopolitiche il prezzo del Brent lunedì scorso ha chiuso per la prima volta sopra quota 70 euro, ai massimi dal dicembre 2014. E visto che l’Agenzia mantiene invariate le previsioni di crescita della domanda mondiale di greggio tutta da presumere che fra i grandi produttori la tensione di qui ai prossimi mesi sia destinata a salire.

Fonte: La Stampa, Economia&Finanza – Paolo Baroni (pag. 16)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]