Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’uragano Nate minaccia i pozzi di petrolio negli Usa
07/10/2017 - Pubblicato in news internazionali

Un nuovo uragano sta puntando verso gli Stati Uniti e stavolta la traiettoria punta diritto al cuore dell’industria petrolifera, tanto da aver costretto a sospendere oltre 1,2 milioni di barili al giorno di produzione nel Golfo del Messico, il 71,1% del totale: un taglio simile a quello dell’Opec, che tuttavia non ha infiammato le quotazioni del barile. Il mercato sembra ignorare quasi del tutto l’effetto degli uragani. E si è esaurito in fretta anche l’entusiasmo per le intese russo-saudite, che preparano il terreno a una proroga dei tagli produttivi dell’Opec Plus.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]