Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Upstream, il referendum tocca 204 pozzi offshore
04/03/2016 - Pubblicato in news nazionali

Inoltre, a lavorare maggiormente al largo delle nostre coste non sono aziende estere, come spesso si sente dire, bensì Eni, con 95 piattaforme, seguita da Adriatica Idrocarburi, Edison e Ionica Gas. Il quadro dell'attività oil&gas nell'offshore italiano è ricostruibile grazie ai dati aggiornati e pubblicati il 29 febbraio sul sito internet della Dgs-Unmig. Una campagna di trasparenza che tiene conto probabilmente dell'imminente referendum sulla durata dei titoli concessori, vista anche la classificazione che lo stesso ministero ha messo a disposizione tenendo conto del limite delle 12 miglia. Stando ai dati, sono interne a tale confine 92 piattaforme, divise tra eroganti (53), non eroganti (26), non operative (8 – tra cui Ombrina) e di supporto alla produzione (5). Schiacciante è la maggioranza del gas sull'olio: al netto delle piattaforme non operative, il referendum avrebbe l'effetto di fermare, alla scadenza del relativo titolo concessorio, il lavoro di 74 piattaforme che producono gas e di 10 che producono olio, per un totale di 204 pozzi attualmente eroganti idrocarburi.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Non sono Eni e Total, la Libia fa accordi in Usa e Germania

La compagnia petrolifera libica Noc è riuscita comunque ad inaugurare la sua prima sede internazionale, a Houston.
[leggi tutto…]

Tariffe gas Germania, Crippa: “Rischio alterazione concorrenza”

Il Governo prende posizione sulla spinosa questione della tariffe di trasporto gas tedesche
[leggi tutto…]

Trasporto gas, Francia proroga tariffe ai punti di interconnessione

L'authority francese per l'energia, Cre, ha stabilito di prorogare di sei mesi la validità delle tariffe di trasporto gas ai punti di interconnessione delle reti transalpine di GRTgaz e Terega (Snam)
[leggi tutto…]