Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Upstream, il referendum tocca 204 pozzi offshore
04/03/2016 - Pubblicato in news nazionali

Inoltre, a lavorare maggiormente al largo delle nostre coste non sono aziende estere, come spesso si sente dire, bensì Eni, con 95 piattaforme, seguita da Adriatica Idrocarburi, Edison e Ionica Gas. Il quadro dell'attività oil&gas nell'offshore italiano è ricostruibile grazie ai dati aggiornati e pubblicati il 29 febbraio sul sito internet della Dgs-Unmig. Una campagna di trasparenza che tiene conto probabilmente dell'imminente referendum sulla durata dei titoli concessori, vista anche la classificazione che lo stesso ministero ha messo a disposizione tenendo conto del limite delle 12 miglia. Stando ai dati, sono interne a tale confine 92 piattaforme, divise tra eroganti (53), non eroganti (26), non operative (8 – tra cui Ombrina) e di supporto alla produzione (5). Schiacciante è la maggioranza del gas sull'olio: al netto delle piattaforme non operative, il referendum avrebbe l'effetto di fermare, alla scadenza del relativo titolo concessorio, il lavoro di 74 piattaforme che producono gas e di 10 che producono olio, per un totale di 204 pozzi attualmente eroganti idrocarburi.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Il Pniec alla prova della sostenibilità: le audizioni di Cib e Assocarta

Ieri si sono svolte in commissione Attività produttive le audizioni di Cib e Assocarta sul Pniec.
[leggi tutto…]

Gas, ancora fumata nera tra Mosca e Kiev

Ancora un nulla di fatto tra Russia e Ucraina nel nuovo trilaterale con la Ue su un nuovo contratto di transito del gas russo verso l'Europa
[leggi tutto…]

Tariffe gas: Arera incontra i regolatori tedesco e francesce

Il delicato dossier delle tariffe di trasporto gas tedesche e francesi è stato al centro di un incontro svoltosi lunedì tra i regolatori dei due Paesi e l’Arera.
[leggi tutto…]