Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Upstream offshore, Saipem inventa il "tappo" d'emergenza
27/04/2017 - Pubblicato in news internazionali

Se questa tecnologia ci fosse stata allora, forse il disastro della Deepwater Horizon, la piattaforma BP che ha originato la famosa marea nera nel Golfo del Messico, si sarebbe potuto arginare più facilmente. Saipem ha realizzato una attrezzatura "innovativa ed unica nel suo genere" per intervenire in condizioni di emergenza su pozzi subacquei in "blow out" (Improvvisa e violenta espulsione di petrolio ndr). E' quanto annuncia in una nota la società. "L'attrezzatura è un complesso sistema capace di operare in un ampio intervallo di profondità ed in condizioni operative ed ambientali difficili". Il sistema è progettato e costruito per essere mobilitato rapidamente in ogni parte del mondo e serve per poter installare una sorta di tappo su pozzi in blow out in modo da evitare disastri ambientali. L'attrezzatura è controllata in modo remoto e non necessità di una nave di supporto che opera nelle immediate vicinane in modo da garantire la massima sicurezza per gli operatori e limitare i rischi dovuti alla presenza di navi su aree contaminate da idrocarburi.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Aspettative alte ma forti rischi di fiammate dell’energia

Da anni la politica europea è diventata verde e di ciò ne è conferma l’obbligo di spendere almeno il 37% dei fondi del PNRR per obiettivi climatici, che per l’Italia vuole dire destinare 70 miliardi di euro alla rivoluzion
[leggi tutto…]

Eni si separa da gas e petrolio e cerca risorse per diventare verde

L’ENI si fa in quattro per sopportare i costi della transizione energetica e governarla
[leggi tutto…]

Idrogeno, piano da 3,19 miliardi su più livelli

Il sogno dell’idrogeno inizia a diventare realtà con il PNRR che delinea il percorso di sviluppo del settore in Italia lungo quattro direttrici
[leggi tutto…]