Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Upstream Libia, apertura a nuovi investimenti stranieri
26/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

La Libia vuole riaprire il suo settore petrolifero agli investitori esteri in quanto il Paese intende raddoppiare la sua produzione di greggio, una volta che la situazione politica del paese si sarà stabilizzata. Lo ha affermato Mustafa Sanallah, presidente della compagnia di Stato National Oil, parlando alla Chatham House di Londra. L'output di Tripoli è triplicato a circa 700.000 barili al giorno dalla scorsa estate e il Governo vuole aumentare ulteriormente la produzione in scia alla recente riapertura dei porti e delle aree petrolifere che erano stati chiusi per via dei disordini nel Paese. Sanallah ha puntualizzato che, in base a studi condotti prima della guerra civile, l'industria petrolifera della Libia ha bisogno di investimenti compresi tra 100 e 120 miliardi di dollari.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]