Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Upstream Libia, apertura a nuovi investimenti stranieri
26/01/2017 - Pubblicato in news internazionali

La Libia vuole riaprire il suo settore petrolifero agli investitori esteri in quanto il Paese intende raddoppiare la sua produzione di greggio, una volta che la situazione politica del paese si sarà stabilizzata. Lo ha affermato Mustafa Sanallah, presidente della compagnia di Stato National Oil, parlando alla Chatham House di Londra. L'output di Tripoli è triplicato a circa 700.000 barili al giorno dalla scorsa estate e il Governo vuole aumentare ulteriormente la produzione in scia alla recente riapertura dei porti e delle aree petrolifere che erano stati chiusi per via dei disordini nel Paese. Sanallah ha puntualizzato che, in base a studi condotti prima della guerra civile, l'industria petrolifera della Libia ha bisogno di investimenti compresi tra 100 e 120 miliardi di dollari.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam, accordo con Rina sull'idrogeno

Snam e Rina, primario player globale attivo nel campo dei servizi di testing, ispezione, certificazione e consulenza ingegneristica, hanno sottoscritto un memorandum of understanding per avviare una collaborazione nel settore dell'idrogeno
[leggi tutto…]

Intervista a Fatih Birol: "Petrolio, giusto riunire il G20, se crolla il settore per danni per tutti"

Produttori e consumatori di petrolio allo stesso tavolo per evitare “nell’interesse di tutti il tracolo del settore”
[leggi tutto…]

Gazprom, in gennaio-febbraio export gas -24,6%

Nei primi due mesi del 2020 il colosso russo di Stato Gazprom, monopolista delle esportazioni di gas russo via tubo, ha registrato una flessione su anno dell'export del 24,6%
[leggi tutto…]