Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Upstream, DNV: priorità alla riduzione dei costi
18/02/2016 - Pubblicato in news internazionali

È quanto emerge dallo studio "Una nuova realtà: prospettive per il settore oil & gas nel 2016", basato su un'indagine condotta da DNV GL a livello internazionale, che ha coinvolto 921 professionisti esperti del settore. Secondo il 41% degli intervistati il controllo dei costi è assolutamente prioritario. Per ottenerne un controllo più rigoroso si punterà sul miglioramento dell'efficienza produttiva degli asset esistenti (31% in Europa continentale rispetto al 25% delle risposte ottenute a livello mondiale). Ridurre l'esposizione a progetti rischiosi/costosi è indicato dal 29% nell'Europa continentale (mentre globalmente la percentuale cala al 25%) ed il 27% introdurrà processi e design più semplici (vs il 20% a livello globale). Per contenere i costi, l'Europa continentale si focalizzerà sulla riduzione del personale ma in minor grado rispetto alla media mondiale (22% vs 31% globalmente), si sta riducendo anche la pressione sulla catena di produzione, dal 31% nel 2015 al 27%. Secondo Dnv, dunque, nonostante la maggioranza dei professionisti europei del settore oil & gas (68%) si stia preparando per un lungo periodo di prezzi bassi per il petrolio, ci sono motivi per cui essere ottimisti perché ci si attende un significativo cambiamento nella gestione dei costi, capace di dare la priorità all'efficienza, alla semplificazione e alla promozione dell'innovazione.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]