Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Tra Ue e Giappone alleanza per il Gnl
13/07/2017 - Pubblicato in news internazionali

Anche l’Unione europea scende in campo per accelerare la transizione verso un mercato globale del Gas naturale liquefatto (Gnl) e il primo passo è un’alleanza con il Giappone, il più grande e il più agguerrito tra i consumatori del combustibile. Miguel Arias Canete, commissario Ue per il clima e l’energia, e il ministro giapponese dell’Economia Hiroshige Seko, hanno siglato un Memorandum di cooperazione con l’intento esplicito di promuovere scambi di Gnl «globali, liquidi, flessibili e trasparenti», mediante una serie di azioni congiunte che comprendono tra l’altro lo studio di indici di prezzo affidabili, la valutazione della possibilità di creare scorte di emergenza simili a quelle petrolifere e un impegno a maggiori «sforzi per facilitare contratti per il Gnl più flessibili in termini di destinazione e rivendita, durata, definizione del prezzo e revisione». Tokyo un paio di settimane fa aveva dichiarato che i divieti contrattuali di rivendere a terzi i carichi di Gnl sono in contrasto con le regole della concorrenza, mentre lo scorso marzo un gruppo di utilities giapponesi, sudcoreane e cinesi aveva dato vita a un blocco di pressione per chiedere contratti più flessibili, che ha già cominciato a fare breccia su alcuni fornitori. Unione europea e Giappone, ricorda il Memorandum appena siglato, «contano per circa metà delle importazioni mondiali di Gnl», ma auspicano comunque che le loro iniziative raccolgano una partecipazione più ampia, non solo da parte di altri consumatori ma anche da parte di Paesi produttori di Gnl.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam raddoppia la sfida all’idrogeno

Snam entro fine anno porterà dal 5 al 10% il mix di idrogeno immesso nella sua rete di trasmissione
[leggi tutto…]

Il rischio geopolitico sale, ma il petrolio non corre

Nonostante la costante crescita del rischio geopolitico, il prezzo del barile resta stabile.
[leggi tutto…]

Assomet alla Camera: colmare gap di costo gas per l'industria

Migliorare la regolazione dei transiti gas tra Paesi eliminando le penalizzazioni per l'Italia dovute all'effetto "pancaking" delle tariffe di trasporto; allineare i costi del gas per l'industria italiana a quelli del Nord Europa
[leggi tutto…]