Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Ue detta le regole a Gazprom ma evita multe miliardarie
25/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

In un delicato contesto politico, la Commissione europea ha illustrato a Bruxelles una serie di regole a cui dovrà attenersi Gazprom, il gigante petrolifero russo tra i maggiori fornitori dell’Unione europea. La commissaria alla concorrenza Vestager ha spiegato che l’intesa deve servire a garantire prezzi equi in Europa dell’Est, rispetto al resto dell’Unione. In caso di mancato rispetto dell’accordo, l’esecutivo comunitario potrà sanzionare l’azienda con una multa miliardaria. L’obiettivo è di assicurare un flusso di gas a prezzi competitivi. “L’attuale decisione rimuove ostacoli adottati dalla stessa Gazprom. Inoltre abbiamo messo a punto una guida ad hoc per gestire la particolare situazione di Gazprom. Obbliga la società ad introdurre passi concreti per migliorare l’integrazione del mercato europeo dell’energia”. Il gruppo petrolifero russo è accusato di abuso di posizione dominante nel mercato dell’Est Europa. Numerose le misure annunciate dalla Commissione europea e che Gazprom si è detta pronta ad accettare. Verranno rimossi gli ostacoli che impediscono la rivendita di gas da parte dei cliente della società russa. Il gruppo dovrà poi garantire l’approvvigionamento dei Paesi attualmente isolati, come la Bulgaria e le Repubbliche baltiche. I clienti di Gazprom potranno richiedere gli stessi prezzi ottenuti dai Paesi dell’Europa dell’Ovest dove la concorrenza nel mercato energetico è maggiore.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Beda Romano (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]