Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa TurkStream, "scelta rotta dei Balcani". Per fornire Italia valuta swap con TAP
23/11/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il gas russo che passerà per il gasdotto Russia-Turchia TurkStream potrebbe raggiungere l'Italia attraverso uno swap con il gas azero trasportato dal TAP. A riportalo è il quotidiano economico russo Kommersant, secondo cui nel contempo la rotta principale attraverso cui Gazprom avrebbe deciso di portare il gas del TurkStream in Europa Occidentale sarebbe quella dei Balcani e la Slovacchia, usando cioè la rotta inizialmente prevista per il ramo settentrionale del “defunto” South Stream Russia-Italia. Secondo un articolo pubblicato oggi da Kommersant, Gazprom avrebbe intenzione di raggiungere Baumgarten – il confine tra Slovacchia/Ungheria e Austria – attraverso i Balcani, passando cioè dalla Turchia a nord del Bosforo in Bulgaria e da qui proseguendo via Serbia verso Ungheria e Slovacchia. Sembrerebbe  però che Gazprom non abbia ancora indicato ufficialmente quale rotta intenda scegliere. Quanto all'Europa meridionale (Grecia e Italia), secondo l'articolo, i russi anziché trasportare fisicamente il gas del TurkStream verso la rete greca, starebbero valutando di effettuare uno swap commerciale con il gas azero, che dal 2020 dovrebbe iniziare a fluire verso l'Italia attraverso Turchia, Grecia e Albania. In passato Gazprom aveva prospettato anche la possibilità di raggiungere l'Italia attraverso il progetto di gasdotto Turchia-Grecia-Italia ITGI-Poseidon, avviando trattative con i due soci Edison e Depa, società che stanno portando avanti anche la realizzazione di un nuovo interconnector con la Bulgaria (IGB).

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Obiettivo di Eni: sostenibilità e transizione energetica

Il mondo dell’energia sta cercando di evolvere nella direzione di una maggiore sostenibilità
[leggi tutto…]

Eni, rosso da 7,34 miliardi. Taglia spese, investimenti e anche il dividendo

Eni chiude il “peggior semestre nella storia dell’oil&gas”, due materie deprezzate del 57% da gennaio, con un rosso di 7,34 miliardi di euro legato molto a svalutazioni di magazzino. I conti nuovi, del secondo trimestre, sono comunqu
[leggi tutto…]

Sad e gas per usi industriali, supplemento di istruttoria

La Commissione interministeriale per lo studio e l’elaborazione di proposte per la transizione ecologica e per la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi (Sad) ha formulato alcune proposte normative volte a rimodulare sette Sad previsti nel rel
[leggi tutto…]