Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Turkmenistan vive sul gas che non sa a chi vendere
18/02/2017 - Pubblicato in news internazionali

Il satrapo Gurbanguly Berdimoukhamedov e la televisione di stato dipingono l’immagine di un’economia florida con un tasso di crescita addirittura del 6,2%. Il turkmeno medio vive con 90 dollari/mese. Nel 2015, durante l’Assemblea dei Saggi era stato proposto al presidente di sopprimere i vantaggi sociali (acqua, sale, elettricità e gas gratuiti). Lo stato si trova sul 9% delle riserve mondiali di gas e risulta essere il quarto produttore mondiale. Ma dietro tutto questo fiorire c’è il male della corruzione. A fronte degli investimenti fatti nel settore del gas, i clienti sono rari. La Russia  di Gazprom ha chiuso gli accordi; l’Iran è debitore e insolvente. La Cina si trova monopolista tra gli acquirente e si può permettere di dettare le tariffe: i volumi di esportazione in Cina sono saliti dell’11%, mentre le entrate sono diminuiti del 20%. In sostanza il presidente ha speso molto in progetti energetici proprio nel momento in cui le entrate erano in caduta. Si apre alla privatizzazione di tutto il complesso industriale.

Fonte: Italia Oggi – Angelica Ratti (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]