Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Turchia di Erdogan lancia la sfida a Eni in Libia
17/01/2020 - Pubblicato in news internazionali

Il presidente turco Erdogan ha annunciato che quest’anno avvierà attività di esplorazione e perforazione nel Mediterraneo nelle zone inquadrate dall’accordo sulla demarcazione dei confini marittimi con la Libia. Lo scorso novembre Erdogan ha firmato con il governo di accordo nazionale guidato da al Serraj un’intesa che delimita i confini marittimi dei due paesi in modo da creare un’area economica esclusiva in comune. L’intesa è contestata da Grecia, Egitto e Unione Europea. La Turchia vuole controllare le aree petrolifere attorno all’isola di Cipro e impedire la posa del futuro gasdotto EastMed. L’EastMed è guardato con grande attenzione da Eni perché potrebbe trasportare il gas trovato dall’azienda nel giacimento Zohr. L’arrivo dei soldati turchi in Libia può inoltre arrivare a mettere a rischio gli impianti Eni nel Paese e a impedire eventuali ricerche in alcune aree.

Fonte: MF – Ester Corvi (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, scatta la maxi speculazione. In Europa volatilità da Bitcoin

Gas come il Bitcoin, condizioni senza precedenti quelle in cui è precipitato il mercato, con i vertiginosi rincari del Gnl in Asia che hanno innescato un’ estrema volatilità sugli hub europei
[leggi tutto…]

Idrogeno verde anche per alimentare nuove centrali a gas

Fuori l’idrogeno blu, dentro l’idrogeno verde prodotto da fonti di energia rinnovabile.
[leggi tutto…]

Recovery Plan, ecco le 47 linee d’azione

Il Piano da 179 pagine da 222,9 miliardi è stato consegnato in tarda serata alle forze politiche
[leggi tutto…]