Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Turchia di Erdogan lancia la sfida a Eni in Libia
17/01/2020 - Pubblicato in news internazionali

Il presidente turco Erdogan ha annunciato che quest’anno avvierà attività di esplorazione e perforazione nel Mediterraneo nelle zone inquadrate dall’accordo sulla demarcazione dei confini marittimi con la Libia. Lo scorso novembre Erdogan ha firmato con il governo di accordo nazionale guidato da al Serraj un’intesa che delimita i confini marittimi dei due paesi in modo da creare un’area economica esclusiva in comune. L’intesa è contestata da Grecia, Egitto e Unione Europea. La Turchia vuole controllare le aree petrolifere attorno all’isola di Cipro e impedire la posa del futuro gasdotto EastMed. L’EastMed è guardato con grande attenzione da Eni perché potrebbe trasportare il gas trovato dall’azienda nel giacimento Zohr. L’arrivo dei soldati turchi in Libia può inoltre arrivare a mettere a rischio gli impianti Eni nel Paese e a impedire eventuali ricerche in alcune aree.

Fonte: MF – Ester Corvi (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]