Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Trump twitta e il petrolio sale
12/04/2018 - Pubblicato in news internazionali

I venti di guerra in Siria e le sanzioni americane contro la Russia continuano a pesare sui mercati. Ieri è da registrare l’impennata dei prezzi del petrolio, che hanno toccato i massimi dal dicembre 2014: il Wti è salito al 2% a 66,83 dollari al barile, il Brent dell’1,4% a 72,02. Mentre alla borsa di Mosca l’indice Moex denominato in rubli, ha ceduto il 2,3% e l’indice Rts ha perso lo 0,7%. A gettare benzina sul fuoco, è stato un tweet del presidente Trump con cui ha avvertito: “La Russia promette di abbattere tutti i missili sparati contro la Siria. Russia preparati, perché arriveranno missili belli, nuovi e intelligenti! Non dovreste essere partner di un animale chi uccide con il gas il suo popolo e si diverte!”. Secondo i dati del Dipartimento dell’Energia Usa, le scorte settimanali di greggio Usa sono risultate pari a 428,638 mln di barili, in aumento di 3,306 mln di barili rispetto alla settimana precedente.

Fonte: MF – Marcello Bussi (pag. 5)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]