Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Trump: shale e carbone pulito nei primi 100 giorni
23/11/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news internazionali

Stati Uniti fuori dal partenariato trans-Pacifico e deregulation nel settore dell'energia, semplificazione amministrativa, controlli più stringenti sui visti, protezione dai cyberattacchi per le strutture strategiche e divieto per gli amministratori di diventare lobbisti nei cinque anni successivi al termine del loro ufficio. Queste le mosse dei primi 100 giorni che il neo-eletto presidente degli Stati Uniti. L'intento è quello di “mettere l'America al primo posto”. In cima alla lista dei provvedimenti delineati con l'aiuto del suo staff l'esclusione dal Trans-Pacific Partnership (Tpp), in secondo luogo il potenziamento del settore energetico con la cancellazione delle  “restrizioni killer per il lavoro sulla produzione di energia americana, compresa l'energia dallo shale e il carbone pulito, creando milioni di posti di lavoro ben pagati”. Un programma che avvalora tutti i pronostici sul cosiddetto “effetto Trump” nel settore energia.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]

Trading gas in discesa al Psv

Nonostante le temperature inferiori alla media stagionale, il trading di gas al Punto di scambio virtuale (Psv) ha mostrato ad aprile la consueta battuta d’arresto primaverile
[leggi tutto…]

Aumenta l’export di gas USA nella UE

Le importazioni di gas naturale liquefatto (gnl) americano sono balzate del 272% da quando Trump e il Junker hanno segnato una tregua nel luglio 2018 prevedendo di potenziare gli scambi
[leggi tutto…]