Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa «C’è Trump dietro il cambio di rotta sui tagli dell’Opec»
26/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

È stato Donald Trump, con il celebre tweet in cui denunciava i prezzi del petrolio “artificialmente troppo alti”, a determinare l’agenda del vertice Opec del 22 giugno, in cui si discuterà un’attenuazione dei tagli produttivi. Lo ha ammesso il segretario generale del gruppo, Mohammed Barkindo, al Forum economico di San Pietroburgo. I ministri dell’Energia di Arabia Saudita e Russia, proprio in questi giorni hanno avviato un confronto faccia a faccia su come gestire l’aumento dell’offerta del greggio. Riad, spalleggiata dagli alleati del Golfo Persico, sarebbe a favore di un incremento di 300 – 400 mila barili al giorno. Mentre Mosca vorrebbe che ci si spingesse oltre, addirittura fino a un milione di barili al giorno. Anche il presidente russo, Vladimir Putin, ha dato il suo appoggio a un cambio di rotta sui tagli produttivi. “Non siamo interessati a una salita senza fine dei prezzi dell’energia e del petrolio. Noi siamo perfettamente soddisfatti con barile a 60 dollari.”

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 27)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

0,5 milioni di barili al giorno: è il deficit di offerta di petrolio stimato dall’Aie per il secondo trimestre del 2019

Il mondo si potrebbe trovare senza petrolio.
[leggi tutto…]

L’Italia, tagliata fuori dalle rotte del gas, perde la partita

L’Italia sembra aver già perso l’opportunità di diventare hub del gas.
[leggi tutto…]

Italia-Cina, domani intese per Eni e Snam

"Con Bank of China sarà firmato nella giornata di sabato 23 marzo, un Memorandum of Understanding che rafforza la collaborazione su vari strumenti finanziari tra Eni e Bank of China".
[leggi tutto…]