Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa «C’è Trump dietro il cambio di rotta sui tagli dell’Opec»
26/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

È stato Donald Trump, con il celebre tweet in cui denunciava i prezzi del petrolio “artificialmente troppo alti”, a determinare l’agenda del vertice Opec del 22 giugno, in cui si discuterà un’attenuazione dei tagli produttivi. Lo ha ammesso il segretario generale del gruppo, Mohammed Barkindo, al Forum economico di San Pietroburgo. I ministri dell’Energia di Arabia Saudita e Russia, proprio in questi giorni hanno avviato un confronto faccia a faccia su come gestire l’aumento dell’offerta del greggio. Riad, spalleggiata dagli alleati del Golfo Persico, sarebbe a favore di un incremento di 300 – 400 mila barili al giorno. Mentre Mosca vorrebbe che ci si spingesse oltre, addirittura fino a un milione di barili al giorno. Anche il presidente russo, Vladimir Putin, ha dato il suo appoggio a un cambio di rotta sui tagli produttivi. “Non siamo interessati a una salita senza fine dei prezzi dell’energia e del petrolio. Noi siamo perfettamente soddisfatti con barile a 60 dollari.”

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 27)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Oil, cinema e reti gas, dove la Cina apre (ma non troppo)

Aperture nella manifattura avanzata, nel settore estrattivo, nei trasporti e nell’intrattenimento entreranno in vigore in Cina dal 30 luglio.
[leggi tutto…]

La guerra delle petroliere. Londra minaccia Teheran

Stessa scena del 4 luglio, ma stavolta sono i pasdran mascherati che da un elicottero atteranno sulla petroliera britannica e sequestrano la nave che aveva appena varcato lo stretto di Hormuz.
[leggi tutto…]

Eni, dal Parlamento tunisino ok ad accordo per diritti di transito Ttpc

Il Parlamento tunisino ha ratificato l’accordo con Ttpc, controllata di Eni, per il transito attraverso il Paese nordafricano del gas di provenienza algerina.
[leggi tutto…]