Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Trivelle, botta e risposta Guidi – Regione Puglia
12/01/2016 - Pubblicato in news nazionali

Se da una parte, infatti, il ministro Federica Guidi rassicura che in Adriatico non è stata autorizzata alcuna trivellazione, dall'altra arriva immediata la risposta del governatore della Puglia, Michele Emiliano, che annuncia il ricorso della Regione, sottolineando inoltre di non essere stato avvisato dal ministero che «sarebbe stata concessa la dodicesima autorizzazione alle prospezioni finalizzata alla ricerca di idrocarburi in Puglia». « Nell'Adriatico non è stata autorizzata alcuna trivellazione», sostiene invece il ministro Guidi, «le proteste di ambientalisti e Regioni sono solo un polverone». Per la Guidi, i permessi sono solo per prospezioni e sono oltre le 12 miglia dalla costa. Ma i comitati anti-trivelle chiedono una moratoria immediata di tutte le attività offshore. Non solo. Gli stessi comitati hanno chiesto alla Corte Costituzionale un rinvio della camera di consiglio fissata per domani per pronunciarsi sui referendum. E questo perché hanno intenzione di sollevare un conflitto di attribuzione nei confronti dello Stato, come sollecitato dallo stesso governatore Emiliano. Dopo il governatore della Puglia, anche il suo collega del Veneto, Luca Zaia, ha promesso battaglia contro i petrolieri.

Fonte: Il Messaggero ​

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]