Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Trivellazioni. Possono portare ricchezza, non occupazione vale la pena solo per i giacimenti più grandi
23/11/2015 - Pubblicato in aspetti tecnici

Leonardo Maugeri, dalle colonne di Repubblica, si chiede se l'Italia è davvero ricca di idrocarburi. A questa e ad altre domande cerca di fornire delle risposte. Allo stato delle attuali conoscenze, le uniche riserve di una certa consistenza si trovano nell'Alto Adriatico (gas naturale) e Basilicata (petrolio). Per il resto parliamo di piccoli giacimenti che in nessun modo potrebbero contribuire a rendere l'Italia meno dipendente dal petrolio e dal gas importati. Ai valori attuali di questi ultimi, inoltre, i costi necessari a esplorare e - eventualmente - sviluppare quelle risorse sono troppo alti. Più entrate fiscali, più posti di lavoro? I costi troppo elevati ridurrebbero drasticamente le entrate fiscali derivanti da eventuali, nuove produzioni. E sulla nota vicende delle trivellazioni del suolo, Maugeri sostiene che In linea generale meglio dire no alla trivellazione quando ha per oggetto formazioni dalle prospettive modeste o incerte, nel qual caso rischia di diventare una sorta di accanimento terapeutico contro il sottosuolo e l'ambiente. Il "no" diventa ancora più risoluto se le attività di esplorazione e sviluppo non seguono le migliori pratiche ambientali e non sia possibile un costante ed effettivo monitoraggio pubblico.

Fonte: La Repubblica A&F – Leonardo Maugeri (Pag,8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]

Trading gas in discesa al Psv

Nonostante le temperature inferiori alla media stagionale, il trading di gas al Punto di scambio virtuale (Psv) ha mostrato ad aprile la consueta battuta d’arresto primaverile
[leggi tutto…]

Aumenta l’export di gas USA nella UE

Le importazioni di gas naturale liquefatto (gnl) americano sono balzate del 272% da quando Trump e il Junker hanno segnato una tregua nel luglio 2018 prevedendo di potenziare gli scambi
[leggi tutto…]