Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Transizione e gas, affare in commissione Industria Senato
17/01/2020 - Pubblicato in news nazionali

La commissione Industria del Senato avvierà a breve un “affare assegnato” sulla transizione energetica e il ruolo del gas e delle altre fonti. L'ufficio di presidenza della commissione ha deciso di inviare alla presidenza del Senato la richiesta di mettere in calendario l'affare dal titolo “Transizione energetica, il ruolo del gas e delle altre fonti, la sicurezza e la competitività degli approvvigionamenti nell'attuale quadro di mercato anche con riferimento allo stato degli investimenti nel Paese”. A quanto risulta alla Staffetta i parlamentari di maggioranza hanno avanzato l'ipotesi di portare avanti un ciclo di audizioni sulla transizione in generale, mentre la Lega dal canto suo, come segnalato dal vice presidente della commissione Sen. Paolo Ripamonti, ha richiesto che venisse avviato un affare assegnato incentrato sul ruolo del gas. Dalla riunione è scaturita la sintesi tra i temi su cui adesso i senatori, una volta ricevuto il via libera dalla presidenza, avvieranno un ciclo di audizioni. I lavori andranno dunque ad aggiungersi a quelli degli affari assegnati sul settore auto e la fine della tutela.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]