Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Transizione energetica non indolore
11/09/2020 - Pubblicato in news nazionali

L’energia è al centro delle politiche dell’Unione europea, negli anni integrata dall’ambiente. Il recovery Fund si affida in gran parte alla transizione energetica verde, diventata il faro al 2050 della politica europea. Gli obiettivi rimangono generici, non si sa molto sul come raggiungerli. Purtroppo, l’avanzata del verde ha trascinato con sé l’ostilità verso l’industria, in particolare verso quelle tradizionali, prima quelle dell’energia fossile, più di recente quella dell’auto. I prezzi dell’energia elettrica in Europa sono già più del doppio di quelli degli Stati Uniti e della Cina, che non seguono le ambizioni europee. Gli Stati Uniti sono indietro di 20 anni rispetto a noi e hanno una benzina che costa 50 centesimi. La Cina costruisce nuove centrali a carbone che servono a fare quell’elettricità a basso costo per i manufatti esportati in Europa, anche pannelli fotovoltaici, pale eoliche e batterie per le auto elettriche. Con l’auto elettrica, che la politica sta imponendo alle case europee, si sta ripetendo l’errore del fotovoltaico, con risorse pagate dai cittadini, a beneficio di filiere industriali all’estero, sempre in Cina, e con effetti sull’ambiente marginali. L’Italia, assieme alla Germania, ha fatto di più per la transizione, dall’altra però accusa di più il colpo della deindustrializzazione, che comprime il suo Pil. Per spendere bene le risorse che arriveranno occorre una dose di maggiore realismo.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Davide Tabarelli (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]

Riad: <<Chi punta contro il petrolio si farà male>>

Da un lato la domanda di petrolio che fatica a recuperare i livelli pre Covid, dall’altro le disciplina sui tagli di produzione che dopo mesi di estremo rigore è tornata a vacillare.
[leggi tutto…]