Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Dalla Tesla la prossima crisi dell’oro nero
04/02/2017 - Pubblicato in aspetti tecnici,news internazionali

La domanda di petrolio potrebbe essere soppiantata da auto elettriche e pannelli solari. Grantham Insitute dell’Imperial College di Londra ha realizzato uno studio in questo senso. Le batterie a ioni della Tesla, nel 2008 costavano 1000 dollari/kilowattora, nel 2015 si era già scesi a 268 dollari. General Motors ha affermati di averli abbassati ulteriormente fino a 145 dollari/kWh. Di questo passo, nel 2025 ci sarà un eccesso di offerta di petrolio pari a 2 milioni di barili al giorno. La causa non è legata solo alle batterie e ai pannelli, ma anche ad una nuova società e nuova mentalità: basti pensare al car sharing. Discorso simile vale per il carbone: con il crollo dei costi del fotovoltaico di addirittura l’85% negli ultimi sette anni, il carbone in prospettiva potrebbe perdere una quota di mercato pari al 10% nel periodo 2012-2020.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Sissi Bellomo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]

Trading gas in discesa al Psv

Nonostante le temperature inferiori alla media stagionale, il trading di gas al Punto di scambio virtuale (Psv) ha mostrato ad aprile la consueta battuta d’arresto primaverile
[leggi tutto…]

Aumenta l’export di gas USA nella UE

Le importazioni di gas naturale liquefatto (gnl) americano sono balzate del 272% da quando Trump e il Junker hanno segnato una tregua nel luglio 2018 prevedendo di potenziare gli scambi
[leggi tutto…]