Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il terminale di Porto Viro. La concretezza del gas
12/10/2020 - Pubblicato in news nazionali

In undici anni di attività dal terminale Adriatic Lng sono arrivati 66 miliardi di metri cubi di gas, immessi nella rete nazionale. Anche se la crisi pandemica ha ridotto complessivamente i consumi, Adriatic Lng si conferma ai massimi livelli del panorama europeo in termini di utilizzo della propria capacità e resta un’infrastruttura strategica per la sicurezza del sistema energetico italiano. Secondo gli ultimi dati del ministero dello Sviluppo economico, in Italia nei primi 8 mesi dell’anno sono stati consumati circa 45 miliardi di metri cubi di gas, con un calo del 9,4 per cento rispetto al 2019. Adriatic Lng, durante l’intera fase del lockdown, ha contribuito a soddisfare circa il 10 per cento delle importazioni totali di gas. Secondo le stime dell’Aie, la domanda globale di gas diminuirà del 4% nel 2020, per un totale di 150 miliardi di metri cubi, e il 75% del calo si concentrerà nei mercati più maturi del Nord America, Europa e Asia. Le prospettive di mercato a lungo termine restano però positive a livello mondiale, grazie alla crescita della popolazione mondiale e al ruolo del gas naturale quale fonte energetica primaria tradizionale di transizione nel contesto della decarbonizzazione.

Fonte: Corriere della Sera – L’Economia – Stafano Righi  (pag. 50)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, scatta la maxi speculazione. In Europa volatilità da Bitcoin

Gas come il Bitcoin, condizioni senza precedenti quelle in cui è precipitato il mercato, con i vertiginosi rincari del Gnl in Asia che hanno innescato un’ estrema volatilità sugli hub europei
[leggi tutto…]

Idrogeno verde anche per alimentare nuove centrali a gas

Fuori l’idrogeno blu, dentro l’idrogeno verde prodotto da fonti di energia rinnovabile.
[leggi tutto…]

Recovery Plan, ecco le 47 linee d’azione

Il Piano da 179 pagine da 222,9 miliardi è stato consegnato in tarda serata alle forze politiche
[leggi tutto…]