Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Tariffe gas Germania, Crippa: “Rischio alterazione concorrenza”
21/05/2019 - Pubblicato in news nazionali

Il Governo prende posizione sulla spinosa questione della tariffe di trasporto gas tedesche, al centro di polemiche non solo in Italia per le ripercussioni sui prezzi del gas a livello europeo. Intervenendo oggi all’Eurelectric Power Summit in corso a Firenze, il sottosegretario al ministero dello Sviluppo economico Davide Crippa ha lamentato infatti che, “pur in un contesto di crescente integrazione del mercato europeo del gas, e delle regole che disciplinano tale mercato, vediamo che in Germania e in Francia vigono o sono in corso di approvazione regimi tariffari che generano effetti sfavorevoli e penalizzanti per tutti i cittadini”. Secondo Crippa, è “necessario aumentare le interconnessioni e favorire il recepimento delle direttive europee per la condivisione dell’energia”. Al Summit di Eurelectric è intervenuto anche il presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, che ha tra l’altro evidenziato il rischio di una eccessiva invadenza degli investitori extra-Ue. “Dobbiamo fare attenzione a chi arriva per allargare il controllo sulle infrastrutture europee” e vigilare su una “gestione degli impianti da parte di soggetti che non hanno i nostri stessi obiettivi”, ha affermato Tajani, avvertendo che “ne va della sovranità e dell’indipendenza dell’Unione”.

Fonte: Quotidiano Energia

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]

Snam guarda agli Emirati e valuta il dossier Adnoc

I piani di crescita di Snam potrebbero condurla sino in Medio Oriente
[leggi tutto…]

Il crac dello shale oil minaccia il mercato corporate mondiale

E’ nelle pianure del Texas la miccia che potrebbe far esplodere la bomba del debito corporate
[leggi tutto…]