Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Tap vara l’aumento di capitale
07/08/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Snam ha versato la sua quota all’aumento di capitale della Trans Adriatic Pipeline AG, la società che realizza il gasdotto Tap, destinato a portare fino in Italia il gas del giacimento di Shah Deniz, nel mar Caspio. I 9,4 milioni di franchi svizzeri a carico di Snam sono stati accreditati il 10 luglio scorso, lo stesso giorno in cui il ministro dell’ambiente Costa annunciava di aver avviato una nuova verifica ambientale sul gasdotto. Quasi un mese dopo, la polemica in senso al governo sui destini del Tap ancora non si ferma, seguita con preoccupazione anche dagli altri azionisti del consorzio, Bp e Socar, FGluxys, Enagas e Axpo. Nei libri contabili di Snam la partecipazione nel Tap è valutata 230 milioni di euro, cifra che stima in circa 1,1 miliardi di euro il fair value della società. Per Snam, il Tap è tra i progetti strategici per garantire una maggiore flessibilità dei flussi di gas verso l’Europa. Per Snam, l’impegno complessivo è calcolato in 776 milioni di euro, che andranno rivisti al ribasso ora che sono arrivati i finanziamenti di Bei e Bers per 2 miliardi di euro.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]