Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Tap, tensioni e proteste in Puglia
29/03/2017 - Pubblicato in news nazionali

Nell’area di cantiere del gasdotto Tap è ripreso ieri l’espianto temporaneo degli ulivi dopo una settimana di forzato stop. Nelle campagne di Melendugno, nel Salento, si è vissuta una mattinata di tensioni e di proteste, ma il massiccio dispiegamento di forze di polizia alla fine, sia pure con fatica, ha aperto un varco tra i manifestanti (un centinaio, tra cui diversi sindaci della zona) e i primi cinque camion, con a bordo gli ulivi espiantati, sono riusciti a passare qualche minuto dopo le 13, diretti al nuovo sito dove gli alberi vengono rimessi a dimora. Oggi Tap vuole riprendere con l'espianto. Dalla sua parte non ha solo la sentenza del Consiglio di Stato che l'altro ieri, rigettando il ricorso di Regione Puglia e Comune di Melendugno, ha dichiarato sia la regolarità dell'autorizzazione unica del Mise, che era stata impugnata, sia l'avvenuto rispetto del principio di «leale collaborazione» tra organi diversi dello Stato, ma anche un nuovo intervento del ministero dell'Ambiente arrivato proprio ieri mattina. Questi, infatti, rispondendo al prefetto di Lecce, Claudio Palomba, ha ribadito quanto aveva già detto nei giorni scorsi, ovvero che l’espianto degli ulivi riguarda la cosiddetta “Fase 0”, dove la società del gasdotto è già autorizzata, e che tali attività «sono distinte dalla realizzazione del microtunnel», regolato invece dalle “Fasi 1a” e “1b”, alle quali «sono associate altre e diverse prescrizioni con verifiche di ottemperanza».

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa e territori – Domenico Palmiotti (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]