Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “C’è da tagliare anche lo spread sull’energia”
23/09/2019 - Pubblicato in news nazionali

Il segreto è l’efficienza. Per contrastare il peso delle bollette sui costi di produzione, che può arrivare fino al 30%, l’industria delle piastrelle preme l’acceleratore sugli investimenti, che l’anno scorso hanno sfiorato il 10% del fatturato complessivo. Un record assoluto, che testimonia uno sforzo continuo verso le tecnologie 4.0 e il risparmio energetico. Ma non basta, spiega Franco Manfredini di Confindustria Ceramiche. Questo sforzo di efficienza non è sufficiente a colmare il gap con i concorrenti europei, che pagano l’energia anche il 20% in meno delle industrie italiane: “In Francia e in Germania gli impianti produttivi sono esentati dagli oneri di sistema. Noi stiamo ancora aspettando l’applicazione di una normativa analoga sulle bollette del gas”, spiega. La speranza di Manfredini è che Paolo Gentiloni, nuovo Commissario Europeo per l’Economia , si attivi per rivedere la direttiva e rendere più omogeneo il carico fiscale tra le imprese europee: “Altrimenti non c’è gara con i nostri concorrenti”, rileva.

Fonte: Corriere della Sera, L’Economia – Elena Comelli (pag. 32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Un pieno di idrogeno

Spinta sull’idrogeno, decisivo a decarbonizzare il mondo
[leggi tutto…]

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]