Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I tagli Opec ora si estendono anche all’export di petrolio
13/09/2017 - Pubblicato in news internazionali

La strategia saudita comincai a funzionare: il rapporto mensile di Eia (Energy Information Adiministration) afferma che l’export di greggio dell’Opec è calato di 1,3 milioni di barili/giorno tra luglio e agosto. Nel mare del nord le estrazioni petrolifere sono diminuite di 50 mila barili/giorno riducendo le forniture di Brent ai minimi dal 2014. Nel 2017 si attende ancor auna crescita di 0,4 mbg fino a 9,25 mbg, destinati a salire ancora nel 2018 toccando il record di 9,84 mbg. I numeri della produzione non Opec hanno subito una limatura, legata ai rallentamenti in Russia e Kazakhstan, alleati del gruppo. Per effetto di cali produttivi in Libia, Venezuela, Arabia Saudita, Iraq ed Emirati Arabi Uniti l’Opec per la prima volta da aprile è tornata a ridurre l’output a 32,755 mbg in agosto. Il petrolio Brent per novembre ha chiuso con un +0,8% a 54,27$/barile; il Wti per ottobre dovrebbe chiudere con un +0,3% a 48,23$.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]

Gas, scatta la maxi speculazione. In Europa volatilità da Bitcoin

Gas come il Bitcoin, condizioni senza precedenti quelle in cui è precipitato il mercato, con i vertiginosi rincari del Gnl in Asia che hanno innescato un’ estrema volatilità sugli hub europei
[leggi tutto…]

Idrogeno verde anche per alimentare nuove centrali a gas

Fuori l’idrogeno blu, dentro l’idrogeno verde prodotto da fonti di energia rinnovabile.
[leggi tutto…]