Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gli stop ai giacimenti tagliano l’attività estrattiva del 18,8%
12/07/2017 - Pubblicato in news nazionali

L’ennesima fermata al centro oli dell’Eni a Viggiano (Potenza), dove affluisce il petrolio estratto dai giacimenti della Val d’Afri, è l’origine del crollo del 18,8% per il segmento industriale delle attività estrattive rilevato dall’Istat per la produzione di maggio. Rallenta anche la fabbricazione di apparecchiature elettriche e non elettriche per uso domestico e apparecchiature dell’industria del legno, ella carta e della stampa (-0,6%). Il comparto dell’industria estrattiva è formato dai diversi settori: i minerali solidi, gli idrocarburi, i servizi all’industria mineraria. Il carbone è in diminuzione ma restano stabili le attività di produzione che sostengono il made in Italy di stampo tradizionale. Il settore in più grande difficoltà è quello dell’estrazione di risorse energetiche dal sottosuolo, ma solo per motivi di accettabilità sociale. I comitati nimby hanno ottenuto che si estragga metano per 55 miliardi di metri cubi/anno  e non più di 70-80 mila barili al giorno di greggio contro livelli di produzione di 15 anni fa pari a 21 miliardi di metri cubi di gas /anno e 120 milioni di barili al giorno.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa e territori – J. G. (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]