Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Lo stop al carbone e gli effetti sul gas
25/10/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Sul tema dell’uscita dal carbone entro il 2025 accelerando la riduzione delle emissioni di anidride carbonica si è mosso anche il Wwf Italia rivolgendo agli analisti del Ref-E, istituto di ricerche di economia e regolazione dell’energia. La risposta degli esperti è che la quota di carbone in Italia al momento pesa relativamente poco in termini di elettricità prodotta (12-16%), cui corrisponde però un tasso d’inquinamento del 40%. Una presa di posizione dell’Italia potrebbe incidere anche sui Paesi più dipendenti dal carbone, come Germania e Polonia. In particolare l’impatto sui prezzi finali dell’energia elettrica sarebbe limitato al 2025. Negli anni successivi, l’effetto combinato delle previsioni di prezzo dei permessi di emissione e la maggiore penetrazione delle fonti rinnovabili annullano il differenziale sul costo di generazione termoelettrico tra gli scenari.

Fonte: MF – red. (pag. 20)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]

Dalla lotta alle frodi al taglio dei sussidi

Lo chiamano “Pins”, Piano di politica economico-finanziaria per l'Innovazione e la sostenibilità, ed è la new entry annunciata nel Programma nazionale di riforma (Pnr), che servirà a organizzare tutti i piani preesist
[leggi tutto…]