Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Lo stop al carbone e gli effetti sul gas
25/10/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Sul tema dell’uscita dal carbone entro il 2025 accelerando la riduzione delle emissioni di anidride carbonica si è mosso anche il Wwf Italia rivolgendo agli analisti del Ref-E, istituto di ricerche di economia e regolazione dell’energia. La risposta degli esperti è che la quota di carbone in Italia al momento pesa relativamente poco in termini di elettricità prodotta (12-16%), cui corrisponde però un tasso d’inquinamento del 40%. Una presa di posizione dell’Italia potrebbe incidere anche sui Paesi più dipendenti dal carbone, come Germania e Polonia. In particolare l’impatto sui prezzi finali dell’energia elettrica sarebbe limitato al 2025. Negli anni successivi, l’effetto combinato delle previsioni di prezzo dei permessi di emissione e la maggiore penetrazione delle fonti rinnovabili annullano il differenziale sul costo di generazione termoelettrico tra gli scenari.

Fonte: MF – red. (pag. 20)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]