Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Lo sprint del gas fa bene a Snam
27/07/2017 - Pubblicato in news nazionali

Assorbiti i costi della separazione da Italgas, rinegoziato il debito abbattendo gli oneri finanziari, Snam ha sorpreso positivamente il mercato con un utile netto semestrale più alto del consensus: 504 milioni di euro, il 18% in più anno su anno. Il gruppo dei gasdotti attribuisce l’incremento al maggior contributo dell’utile operativo (714 milioni di euro, + 3,6%), alla riduzione del costo medio del debito e ai maggiori proventi generati dalle partecipazioni. Ma il dato ancora più positivo è che la domanda di gas ha ripreso slancio (+11,7% rispetto al primo semestre 2016). Lieve incremento per i ricavi, a 1,27 miliardi di euro (+2%). Cresciuti in percentuale più marcata gli investimenti, in linea con il piano al 2021, a 425 milioni di euro (+13,6%). Per l’intero anno la società conta di investire circa un miliardo di euro del suo piano da circa 5 miliardi di euro. Di questi, circa 310 milioni di euro saranno garantiti da un prestito agevolato appena concesso dalla Bei per il finanziamento di alcuni progetti di potenziamento del sistema gas italiano per un costo complessivo stimato in oltre 600 milioni di euro. Alverà ha confermato il 2020 come anno di entrata in attività del nuovo gasdotto, che trasporterà fino in Puglia il gas dei giacimenti azeri. Nel piano d’investimenti 2017-2021 il Tap rientra nel potenziamento della rete di trasporto, che consentirà anche il completamento della realizzazione di capacità in reverse flow verso gli altri Paesi europei e accogliendo anche i nuovi flussi di gas dalla regione del Caspio.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno, consultazione sulla Strategia UE

La Commissione europea ha avviato una consultazione in vista dell'adozione della Strategia sull'idrogeno entro la metà dell'anno
[leggi tutto…]

Gasdotto Italia-Malta, al via consultazione transfrontaliera

Il ministero dell'Ambiente ha avviato nei giorni scorsi la consultazione pubblica transfrontaliera sul progetto di gasdotto di interconnessione tra Italia e Malta, una pipeline da 1,2 miliardi di mc all'anno per una lunghezza di 159 km tra Delim
[leggi tutto…]

Mire cinesi sul gas Eni australiano

Arrivano dalla Cina i primi concreti segnali di interesse per gli asset australiani di Eni. Secondo indiscrezioni, tra i pretendenti c’è Roc Oil, quartier generale a Sidney ma azionariato cinese
[leggi tutto…]