Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Spinaci, quasi un ultimo appello
29/09/2016 - Pubblicato in news nazionali

Claudio Spinaci - presidente dell'Unione Petrolifera - ha ribadito  martedì a Milano all'Energy Summit del Sole24Ore che “chi, come alcuni politici, pensa di poter impacchettare il settore petroliero e in tre o quattro anni buttarlo via si dimentica di un particolare importante, che si tratta di un settore strategico e che, se ciò accadesse, il Paese rischia di fermarsi perché, volenti o nolenti, ancora per molti anni non potremo fare a meno dei prodotti petroliferi, carburanti in primis”. Anche negli ultimi mesi infatti la direzione politica è quella di considerare sempre di più l'industria petrolifera un business “a perdere”, privandolo di fatto di quel sostegno minimo indispensabile per poter continuare il proprio lavoro in sicurezza e con la consueta affidabilità. A cominciare dalla raffinazione, attività senza la quale verrebbe messa a rischio la disponibilità dei prodotti a prezzi competitivi nel mercato interno. Secondo il presidente, occorre mantenere un approccio il più possibile neutrale, evitando inutili sprechi di risorse, perché la transizione sarà lunga e il vero cambiamento avverrà solo tra 30-40 anni. Un monito, quello di Spinaci, che riflette anche il sentimento di scoramento che si respira nella filiera petrolifera.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]

Trading gas in discesa al Psv

Nonostante le temperature inferiori alla media stagionale, il trading di gas al Punto di scambio virtuale (Psv) ha mostrato ad aprile la consueta battuta d’arresto primaverile
[leggi tutto…]

Aumenta l’export di gas USA nella UE

Le importazioni di gas naturale liquefatto (gnl) americano sono balzate del 272% da quando Trump e il Junker hanno segnato una tregua nel luglio 2018 prevedendo di potenziare gli scambi
[leggi tutto…]