Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Non solo rinnovabili. La lezione da imparare per ripartire “verdi”
25/05/2020 - Pubblicato in news internazionali

“E’ presto per calcolare gli impatti a lungo termine, ma l’industria dell’energia che uscirà da questa crisi sarà molto diversa da quella che conoscevamo”. Faith Birol, direttore della Iea, l’Agenzia internazionale dell’Energia, riassume così lo scenario vissuto negli scorsi mesi. Il lockdown dovuto al Coronavirus rappresenta “il più grande choc per il sistema energetico globale in tempi di pace, con un calo della domanda quest’anno destinato ad oscurare l’impatto della crisi finanziaria del 2008”. Il Global Energy Review 2020, con cui la Iea fornisce una prima analisi dell’andamento del comparto, prevede un calo della domanda di energia primaria del 6% nel 2020, “equivalente a perdere l’intera domanda energetica dell’India, terzo consumatore al mondo”. In questo quadro, le rinnovabili si rilevano le fonti più resilienti, destinate a registrare un aumento della domanda, seppur modesto. Sulle fonti fossili invece gravano pesanti perdite. La domanda di petrolio è prevista in calo del 9%, con 9 milioni di barili al giorno in meno di media. Il gas invece è destinato a scendere del 5%. L’esperienza del Covid, tuttavia, conferma la convinzione di tutti gli economisti impegnati sul fronte della sostenibilità: la crisi del clima si risolve solo con massicci investimenti in grado di modificare la struttura stessa del sistema economico mondiale. L’occasione di una ripartenza che abbia un profilo di sostenibilità e un approccio di sistema non può andare persa. Birol ha già invitato i governi a destinare i nuovi investimenti alle tecnologie pulite, per stimolare l’economia e al tempo stesso accelerare la transizione energetica.

Fonte: Corriere della Sera – l’Economia- Elena Comelli (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]