Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Snam, sprint su rete e progetti
05/07/2020 - Pubblicato in news nazionali

Se c’è un dato che più di altri racconta il potenziale di Snam sul fronte dell’idrogeno è che il 70% dei suoi metanodotti è realizzato con tubi pronti ad accoglierne il passaggio. Non a caso, ad aprile 2019, la società è stata la prima in Europa a sperimentare, A Contursi Terme, in Campania, l’immissione di un mix di idrogeno al 5% e gas nella sua rete di trasmissione in modo da alimentare per un mese due stabilimenti produttivi. Poi, a dicembre, il test è stato replicato portando al 10% l’asticella. Ora Snam si accinge a riprodurre, a metà luglio, la stessa dinamica sulle turbine a gas che fanno girare le sue centrali di compressione. L’idea è di testare l’uso di una miscela con idrogeno al 10%. E un’altra strada, attualmente oggetto di studio da parte dell’azienda, è quella dello sviluppo di filtri che consentono di separare il gas dall’idrogeno arrivando così a rifornire gli utenti sia dell’uno che dell’altro tramite lo stesso gasdotto senza costruire condotte dedicate. “L’idrogeno verde potrà diventare competitivo con le fonti fossili nel giro di cinque anni – spiega al Sole 24 Ore l’ad di Snam, Marco Alverà – e avrà un ruolo centrale nella transizione energetica, in particolare nell’industria”. Sempre nell’ottica di potenziare questa ulteriore gamba, Snam ha poi sottoscritto ad aprile scorso un protocollo d’intesa con Rina, player globale attivo nei servizi di testing, ispezione, certificazione e consulenza ingegneristica, per studiare e sviluppare test sulla compatibilità con l’idrogeno di bruciatori industriali e di altre apparecchiature già in esercizio e per avviare sperimentazioni su altri ambiti riguardanti l’idrogeno. Mentre l’accordo di collaborazione, siglato a giugno, con il Politecnico di Bari, porterà alla realizzazione di un prototipo di rete basata sull’utilizzo di idrogeno “verde” prodotto dalle rinnovabili.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Celestina Dominelli (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]