Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Snam, prelievi record da stoccaggi gas italiani
30/03/2018 - Pubblicato in news nazionali

Gli stoccaggi hanno fornito un prezioso contributo e l’assetto della penisola ha dimostrato la sua efficacia al punto che la recente riorganizzazione varata dalla Francia per i depositi d’oltralpe si è ispirata all’Italia. A ridisegnare la cornice transalpina è stata l’Authority francese dell’energia (la Cre) che ha sostanzialmente introdotto il meccanismo delle aste per la commercializzazione della capacità di stoccaggio con una remunerazione di base garantita agli operatori, a cominciare dal “braccio” francese di Snam, Tigf. “La Rab (il capitale investito netto riconosciuto ai fini regolatori, ndr) che ci hanno assegnato – spiega Federico Ermoli, chief International assets officer di Snam – risulta positiva e rispetta il valore effettivo degli asset. Si tratta di un sistema “all’italiana” in cui non ci sono più asimmetrie nei prezzi e i ricavi dei singoli operatori sono regolati con la possibilità di un recupero postumo sulle tariffe di trasporto. L’esito delle aste ha rispecchiato le nostre aspettative consentendo la vendita di tutta la capacità a prezzi che hanno permesso a Tigf di ottenere i premi di performance previsti dalla nuova regolazione”.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Celestina Dominelli (pag. 32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]