Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Snam in pole per gli asset di Edison
07/06/2017 - Pubblicato in news nazionali

Sarebbe ormai in dirittura d’arrivo la cessione, da parte di Edison, di due asset gas e in pole position, per rilevarli, c’è Snam. Per il gruppo controllato dai francesi si tratta di partecipazioni considerate non più strategiche: una quota di minoranza, pari al 7,3% nel rigassificatore di Rovigo (un colosso con una capacità di 8 miliardi metri cubi annui, che corrispondono a circa il 10% del fabbisogno nazionale di gas naturale), e il 100% del metanodotto di 84 km «Cavarzere-Minerbio», che collega il terminal offshore all’hub di Snam Rete Gas a Minerbio (Bologna). La vendita, seguita da Banca Imi, ha subìto una significativa accelerazione e potrebbe essere chiusa nelle prossime settimane. Proprio il Ceo del gruppo energetico, Marco Alverà, presentando il piano al 2021, aveva parlato del possibile interesse in infrastrutture di rigassificazione in Italia, laddove ovviamente si può comprare al giusto prezzo e creare valore. Anche per questo Snam monitora costantemente il mercato delle infrastrutture gas alla ricerca di opportunità che supportino la crescita nel lungo periodo. Questi asset gas messi in vendita da Edison fanno parte di un pacchetto di dismissioni più ampio messo in campo dal gruppo energetico per efficientare ulteriormente la struttura e concentrare le proprie forze su business considerati maggiormente strategici come i clienti elettricità e gas.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Cheo Condina (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]

Trading gas in discesa al Psv

Nonostante le temperature inferiori alla media stagionale, il trading di gas al Punto di scambio virtuale (Psv) ha mostrato ad aprile la consueta battuta d’arresto primaverile
[leggi tutto…]

Aumenta l’export di gas USA nella UE

Le importazioni di gas naturale liquefatto (gnl) americano sono balzate del 272% da quando Trump e il Junker hanno segnato una tregua nel luglio 2018 prevedendo di potenziare gli scambi
[leggi tutto…]