Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Snam, un piano a 5 anni nel segno dell’Europa e della rifocalizzazione
19/06/2016 - Pubblicato in news nazionali

I riflettori si accenderanno il 29 giugno quando il nuovo ad di Snam, Marco Alverà, dovrà declinare il futuro della società, intenzionata a concentrarsi sempre più sul core business (trasporto, rigassificazione e stoccaggio), nella più ampia prospettiva dell’interconnessione delle reti europee, e a formalizzare la separazione di Italgas (distribuzione), che sarà oggetto di uno scorporo parziale proporzionale sul modello Fca-Ferrari, con la spa dei gasdotti destinata a mantenere una partecipazione finanziaria (attorno al 10%). Il piano strategico 2016-2020, che sarà svelato a Londra, si muoverà in assoluta continuità con la strategia precedente, all’insegna di un modello sostenibile supportato da efficienza operativa e finanziaria. Il prosieguo della realizzazione delle infrastrutture in Pianura Padana, per rendere possibile il flusso “bidirezionale” del gas al confine settentrionali (il cosiddetto “reverse flow”) è a un passo dal traguardo e si incrocia con il progetto più ampio di interconnessione dei mercati europei, dove Snam è già ottimamente posizionata e dove l’azienda continuerà a sviluppare ulteriormente i corridoi nord-sud ed est-ovest.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e Mercati – Celestina Dominelli (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]