Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Snam, patto mediterraneo per le infrastrutture
06/02/2018 - Pubblicato in news nazionali

Un patto tra i principali operatori di trasporto del gas (Tso) del Mediterraneo, per promuovere un ulteriore sviluppo delle infrastrutture. A dare il “la” a una cooperazione rafforzata è Snam che avrebbe riunito giovedì scorso a Milano le sue omologhe per rilanciare una strategia comune. All’incontro, aperto dal presidente della società, Carlo Malacarne, hanno partecipato anche la francese GRTgaz (gruppo Engie), la spagnola Enagas, l’israeliana Ingl, oltre ai Tso di Cipro, Grecia, Malta, Marocco, Giordania, Portogallo, Slovenia e Croazia. La premessa da cui ha preso le mosse il confronto è che il bacino del Mediterraneo sta assumendo un rilievo crescente nel settore non solo per la crescita della domanda – che ammonta attualmente a circa 300 miliardi di metri cubi annui – ma anche per le scoperte significative degli ultimi anni (su tutte il maxi-giacimento di Zohr targato Eni nell’offshore egiziano) e i nuovi corridoi energetici. Un asse più stretto servirà a garantire ulteriore diversificazione e sicurezza degli approvvigionamenti.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Celestina Dominelli (pag. 32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]