Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Snam, nuova tappa per il «reverse flow»

Ultimati 170 chilometri di tubi in Pianura Padana: questa, però, è soltanto la prima tappa del percorso stringente messo a punto dalla società – e per il quale sono stati mobilitati 600 milioni di euro da qui al 2018 solo nell’ultimo piano industriale – e giudicato strategico dall’UE che ha inserito il reverse flow tra i progetti di interesse comune nel settore dell’energia. Sul fronte dei metanodotti, la società guidata da Marco Alverà ha acquisito tutti i permessi per il nuovo tratto tra Cervignano D’Adda e Mortara e i lavori saranno avviati tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017. Con una data, quella del 2018, da cerchiare in rosso per la chiusura complessiva del cerchio. «Perché non creare, come per il petrolio, una riserva strategica regolamentata in base a cui un tot di domanda deve essere sempre conservata sotto terra e possa quindi essere utilizzata per quel 4,5% in caso di crisi?», così Alverà che ha annunciato che Snam si farà portavoce di tale proposta a Bruxelles.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati  - Celestina Dominelli (pag. 29)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Aspettative alte ma forti rischi di fiammate dell’energia

Da anni la politica europea è diventata verde e di ciò ne è conferma l’obbligo di spendere almeno il 37% dei fondi del PNRR per obiettivi climatici, che per l’Italia vuole dire destinare 70 miliardi di euro alla rivoluzion
[leggi tutto…]

Eni si separa da gas e petrolio e cerca risorse per diventare verde

L’ENI si fa in quattro per sopportare i costi della transizione energetica e governarla
[leggi tutto…]

Idrogeno, piano da 3,19 miliardi su più livelli

Il sogno dell’idrogeno inizia a diventare realtà con il PNRR che delinea il percorso di sviluppo del settore in Italia lungo quattro direttrici
[leggi tutto…]