Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Snam cerca lo sbarco negli Usa. Nel mirino c’è il gasdotto Rover
10/09/2019 - Pubblicato in news internazionali

Dopo il consolidamento in Europa e l’approdo in Cina, Snam accende un faro sugli USA dove la domanda di gas crescerà al ritmo del 2% annuo da qui al 2030. Nel mirino il gasdotto Rover che ha una capacità di oltre 30 miliardi di metri cubi l’anno e si snoda, nei supi oltre 1.100 kilometri, dai bacini di shale gas di Maercellus e Utica negli Appalachi, nella parte orientale del Nord America, verso le aree chiave del Paese per poi convogliare il gas fino al Canada. Snam sarebbe intenzionata a rilevare il 33% messo in vendita da Energy transfer Lp. Snam ha tutto l’interesse ad aprirsi un varco negli USA per rafforzare la propria diversificazione geografica, ma anche perché, in base alle previsioni dell’Agenzia internazionale dell’energia, gli USA, che devono emanciparsi dall’eccessiva dipendenza dal carbone, diverranno nel giro di 5-6 anni il principale esportatore mondiale di Gnl. Tuttavia, anche se l’esito dell’operazione non è così scontato, vista l’agguerrita concorrenza, la direzione di Snam sembra chiara, ovvero battere comunque la strada della partnership con altri soggetti.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Celestina Dominelli (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]