Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Siria, Is conquista ultimo campo petrolifero governo
08/09/2015 - Pubblicato in news internazionali

Combattenti di Stato Islamico hanno conquistato l'ultimo campo petrolifero sotto il controllo del governo siriano nel corso di una serie di battaglie in un'ampia zona desertica del Paese. Lo ha reso noto oggi l'Osservatorio siriano per i diritti umani. L'impianto di Jazal è stato chiuso, mentre i combattimenti proseguono a est di Homs, con perdite da entrambi i lati, secondo i dati raccolti dall'Osservatorio, un organismo con sede a Londra ma con molti corrispondenti e fonti sul territorio siriano. L'esercito siriano ha detto di aver respinto un attacco nella stessa zona, con l'uccisione di 25 combattenti (tra cui alcuni stranieri), ma non ha fatto accenni a Jazal né a quanta parte delle infrastrutture energetiche siano rimaste sotto il suo controllo. “Il regime ha perso l'ultimo campo petrolifero in Siria”, riferisce l'Osservatorio. Alcuni commentatori sui social media hanno scritto che i combattimenti sono scoppiati negli ultimi due-tre giorni e che i ribelli hanno conquistato il giacimento domenica. Jazal è un campo petrolifero di medie dimensioni che si trova a nord-ovest del sito archeologico di Palmyra, vicino a una regione dove si trovano i principali giacimenti di gas della Siria.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ok Ue al Piano Green italiano

Bruxelles promuove il Piano italiano per l’Energia e Clima che fissa gli obiettivi sui vari fronti della sostenibilità ambientale per allinearsi ai target green europei al 2030.
[leggi tutto…]

Libia, da oggi revocato lo stato di forza maggiore da porti e giacimenti

A partire dal 26 ottobre è stato revocato lo stato di forza maggiore in tutti i giacimenti e porti libici, dopo i blocchi messi in atto dal generale Haftar nel corso dell'anno.
[leggi tutto…]

Nord Stream, gli Usa estendono le sanzioni

Il dipartimento di Stato Usa ha esteso martedì il raggio delle sanzioni americane al progetto di gasdotto Nord Stream II
[leggi tutto…]