Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Sicim all’opera sul gasdotto Messico-Usa con Scozia e Iraq tre gare da 200 milioni
27/02/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Per lo shale gas a basso costo non ci sono confini, barriere o passaporti. Neppure sulla frontiera tra Stati Uniti e Messico dove i bulldozer e gli scavatori lavorano senza sosta per costruire una rete di pipeline lunga 5mila chilometri che porterà il gas low cost ottenuto dalle sabbie bituminose dagli Usa verso le centrali elettriche del Nord del paese latino. In questo contesto gioca un ruolo decisivo un’azienda italiana: la Sicim di Busseto, in provincia di Parma, che in Messico continua a guadagnare commesse per la progettazione, l’impianto e il collaudo di pipeline per il trasporto di idrocarburi. Nel complesso dei lavori Sicim si è aggiudicato circa 2mila chilometri della rete di collegamento tra Usa e Messico, quasi la metà della mega-opera. La società ha messo a punto una tecnologia di scavo e posa di pipeline per cui compra macchine movimento terra, le trasforma e le invia in giro per il mondo nei suoi cantieri. Tra Messico, Scozia e Iraq la società negli ultimi mesi ha preso tre commesse per un valore di 200 milioni di euro.

Fonte: La Repubblica, Affari e Finanza – Christian Benna (pag 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]