Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Shale oil vicino alla crescita zero ma dall’Opec arriverà più petrolio
21/06/2018 - Pubblicato in news nazionali

La produzione di petrolio negli Stati Uniti sta frenando e nell’area di Permian, che ha trainato finora la corsa dello shale oil, la crescita fra 3-4 mesi si fermerà del tutto, perché sarà raggiunto il limite di portata degli oleodotti.: un problema che potrebbe spingere il prezzo del barile oltre 100 dollari se l’Opec non “farà qualcosa”. L’avvertimento è di Scotto Sheffield, ceo di Pioneer Natural Resources, uno dei pochi americani che non abbiano disertato l’Opec Seminar. Le pressioni perché l’Opec reagisca alle perdite di produzione si stanno moltiplicando.

Fonte: Il Sole 24 ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dalla siderurgia ai componenti auto, Gualtieri al lavoro sui settori cui destinare i fondi del Green New Deal

Dall’efficientamento energetico degli edifici pubblici, a partire dalle scuole, da finanziare anche con l’emissione di green bond, a sostegno alla riconversione della componentistica auto verso la mobilità sostenibile, dal piano naziona
[leggi tutto…]

Snam perfeziona l’acquisto di Olt

Snam finalizza l’acquisizione del 49% di Olt
[leggi tutto…]

Gas Intensive, iniziativa Di Maio penalizza i consumatori

Bene l'iniziativa del ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli contro gli aumenti delle tariffe di uscita dalla rete gas della Germania
[leggi tutto…]