Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La sfida strategica per i giacimenti di oro nero
26/04/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il premier inviato dal mondo a unificare il Paese, al Serraj, dopo aver escluso per quasi un mese un intervento militare esterno, alla fine si è arreso: gli attacchi ai pozzi di petrolio sono sempre più “preoccupanti”, dice, e serve l’aiuto dell’Onu per proteggerli. Lo scontro armato è per lo più in Cirenaica e sotto la Sirte in mano all’Isis: l’Eni è lontana. Il paese ha riserve di greggio per 60miliardi di barili e di gas naturale per 1.500 miliardi di metri cubi.

Fonte: Corriere della Sera – Francesco Battistini (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]

La Cina respinge carichi di Gnl e manda a picco i prezzi del gas

Forza maggiore. È questa la nuova nemesi che dalla Cina si è abbattuta sul settore del gas, già messo alla prova da climate change, guerre commerciali ed eccessi produttivi.
[leggi tutto…]