Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La sfida strategica per i giacimenti di oro nero
26/04/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il premier inviato dal mondo a unificare il Paese, al Serraj, dopo aver escluso per quasi un mese un intervento militare esterno, alla fine si è arreso: gli attacchi ai pozzi di petrolio sono sempre più “preoccupanti”, dice, e serve l’aiuto dell’Onu per proteggerli. Lo scontro armato è per lo più in Cirenaica e sotto la Sirte in mano all’Isis: l’Eni è lontana. Il paese ha riserve di greggio per 60miliardi di barili e di gas naturale per 1.500 miliardi di metri cubi.

Fonte: Corriere della Sera – Francesco Battistini (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

2025. Carbone addio

L’Italia dirà definitivamente addio al carbone nel 2025, lo ha annunciato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa.
[leggi tutto…]

Saipem si aggiudica due contratti per 1,3 miliardi

Saipem si è aggiudicata due contratti Epic assegnati dal cliente Saudi Aramco per un importo totale di 1,3 miliardi di dollari Usa per le attività offshore in Arabia Saudita.
[leggi tutto…]

Upstream, a Eni 13 licenze esplorative in Norvegia

Vår Energi, controllata da Eni con il 69,6% si è aggiudicata 13 licenze esplorative nell'ambito della gara “Awards in Predefined Areas 2018” gestita dal ministero del Petrolio ed energia norvegese.
[leggi tutto…]