Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I sequestri dei creditori mettono a rischio il petrolio dal Venezuela
12/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

I mercati petroliferi sono distratti dalle sanzioni contro l’Iran, ma per l’offerta di greggio il rischio maggiore – o quanto meno il più imminente – dipende da quanto sta accadendo su un pugno di isole dei Caraibi. Il Venezuela ha perso l’accesso agli impianti di Pdvsa nelle ex Antille Olandesi: una serie di terminal per la lavorazione, lo stoccaggio e l’esportazione di greggio di cruciale importanza, senza i quali le forniture di Caracas – già crollate di 900mila barili al giorno in un paio di anni, a 1,5 milioni di bg – sono condannate a ridursi ulteriormente. Il rischio non è limitato al pignoramento del greggio. Dalle ex Antille Olandesi l’anno scorso è passato un quarto dell’export di Pdvsa. Inoltre le isole sono dotate di strutture adatte al trasferimento dei carichi sulle maxipetroliere, utili per le rotte più lunghe, come quelle verso la Cina: un Paese al quale Caracas è obbligata a inviare grandi quantità di combustibili, per ripagare il finanziamento per 19 miliardi di $. Il mercato, stimano diversi analisti, potrebbe perdere in tempi brevi 400-500mila barili al giorno, addirittura un milione di barili secondo Société Générale, visto che gli Usa minacciano di adottare nuove misure punitive anche contro il Paese sudamericano: volumi forse superiori a quelli che potremmo perdere (non subito, ma tra qualche mese) dall’Iran.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Oil, cinema e reti gas, dove la Cina apre (ma non troppo)

Aperture nella manifattura avanzata, nel settore estrattivo, nei trasporti e nell’intrattenimento entreranno in vigore in Cina dal 30 luglio.
[leggi tutto…]

La guerra delle petroliere. Londra minaccia Teheran

Stessa scena del 4 luglio, ma stavolta sono i pasdran mascherati che da un elicottero atteranno sulla petroliera britannica e sequestrano la nave che aveva appena varcato lo stretto di Hormuz.
[leggi tutto…]

Eni, dal Parlamento tunisino ok ad accordo per diritti di transito Ttpc

Il Parlamento tunisino ha ratificato l’accordo con Ttpc, controllata di Eni, per il transito attraverso il Paese nordafricano del gas di provenienza algerina.
[leggi tutto…]