Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Senza tagli all’Opec il prezzo del petrolio rischia nuove cadute
11/11/2016 - Pubblicato in news internazionali

Svanito l’«effetto Trump», il petrolio torna ad essere condizionaton dagli scenari sul vertice Opec di fine mese. A riportarvi l’attenzione è l’Agenzia internazionale per l’energia (Aie), che ha trasformato il suo bollettino mensile in un implicito appello a tagliare la produzione: se l’Organizzazione riuscirà a mettere in pratica gli accordi di Algeri il mercato «si sposterà molto rapidamente dal surplus al deficit nel 2017», scrive l’agenzia Ocse, ma se invece non ce la farà «c’è il rischio che i prezzi subiscano una nuova caduta». L’eccesso di offerta si protrarrà infatti per il terzo anno consecutivo e le scorte petrolifere - che da agosto hanno finalmente cominciato a calare – torneranno ad accumularsi. L’avvertimento, sommato al nuovo aumento delle scorte che si è in effetti visto negli Stati Uniti, ha riportato in ribasso le quotazioni delbarile: il Brent ha chiuso a 45,84$ (-1,1%), il Wti a 44,66 $ (-1,4%). «Non possiamo predire l’esito del vertice del 30 novembre – afferma l’Aie - ma ci rendiamo conto delle dimensioni della sfida». A ottobre, il mese successivo al vertice di Algeri, la produzione mondiale di greggio è infatti cresciuta di ben 800 mila barili al giorno. E i maggiori responsabili dell’incremento sono proprio l’Opec e il suo potenziale maggior alleato, la Russia.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Sissi Bellomo (pag. 38)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]